Homepage | Chi siamo | Gallery fotografica  
  Calcio a 11 | Calcio a 5 | Pallavolo | Ginnastica | Estate ragazzi | Tornei | Arbitri | Altro    

 

 Notizie



Estate a 5 cerchi - La mia radice, le nostre radici

Il messaggio di inizio campo di Don Gianni

04-06-2021

Di fronte ai campi solari o campi estivi (come altri chiamano), mi sono posto la domanda che i grandi Santi educatori si sono posti. A che serve? Cosa c’entrano Gesù e la Chiesa? Possono dare un contributo? Provo di rispondere con la massima sincerità e, spero, semplicità.

Gesù era molto severo con chi pensava di essere superiore agli altri, con chi sfruttava il tempio per i suoi commerci, ma era molto delicato e compassionevole con chi sbagliava, i peccatori, e soprattutto era particolarmente accogliente coi bambini fino a sgridare i suoi Apostoli che li allontanavano perché “disturbavano”. Un campo solare serve prima di tutto ad accogliere nel modo più genuino dei ragazzi per “farli stare bene insieme, nel rispetto, nella condivisione, nella capacità di giocare e lavorare insieme… in una parola di “fare comunità”!

Verrebbe la tentazione di dire: “Ma c’è già il catechismo, gli incontri in Parrocchia…”. In parte è vero, ma quanti non vengono per le più svariate ragioni… tempo, poca voglia, non conosco… Il campo solare diventa un modo di incontrare, di conoscere, di imparare a stare insieme e, perché no, di ritrovarsi poi a camminare insieme per conoscere meglio anche Gesù! Anche noi adulti dovremmo imparare a camminare in questo modo per dare risposte più serie e sensate ai bambini e ai ragazzi, senza considerarli qualcuno che ci disturba perché ci distrae dai “nostri interessi”.

Credo allora che possiamo ben chiamarli “pre-catechesi”, se fatti con questi atteggiamenti, se andiamo qualche volta come “comunità cristiana” a trovarli dove vivono la loro vita su un campetto di calcio o di basket o altro sport, mostrando verso di loro lo stesso interesse che aveva Gesù. Se si sentono amati, forse nascerà più forte il desiderio di conoscere quel Gesù e camminare insieme con chi lo ha conosciuto prima di loro (per età) e si siede accanto a loro con semplicità.

Allora buon campo solare con tanta gioia, con tanta amicizia e con tanta vivacità! Gesù è già lì con voi!

 

Incaricato Pastorale Sport della diocesi

e Assistente Ecclesiastico CSI Imola

Don Gianni Regoli




Altre notizie

Pagine:  [1]  

04-06-2021 - Estate a 5 cerchi - La mia radice, le nostre radici
20-05-2021 - ESTATE A 5 CERCHI - Campo solare dal 7 giugno al 2 luglio
21-04-2021 - Il progetto #ESTATECSI dedicato ai centri estivi


 


 Documenti


22/05/2008 - NORMATIVE: Leggi e Regolamenti
 

L'Estate Ragazzi in due parole...


L’Estate Ragazzi della Diocesi di Imola, è un progetto che coinvolge molte realtà parrocchiali, scuole, e istituti religiosi. Nasce dal “basso” dal coinvolgimento di chi si vuole impegnare per una iniziativa che vuole accompagnare e dare formazione al tempo dell’estate.
L’esperienza è nata prima singolarmente in alcune parrocchie come ad esempio Zolino, Santo Spirito, e in alcune scuole parificate come il Bosco ecc, poi dal 2003, grazie all’interessamento del Csi imolese, l’iniziativa ha assunto un connotato diocesano ed è sotto la competenza dell’Ufficio Diocesano di Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport.
Il progetto è ora articolato attraverso due gruppi distinti di lavoro: il primo è il Coordinamento Estate Ragazzi, che raccoglie tutte le realtà aderenti al progetto; e la Commissione Progetto, composta da un gruppo variabile di membri, che di anno in anno elaborano e sviluppano il progetto.

Oltre al Csi, che si occupa principalmente dell’aspetto legato alla formazione, all’interno del progetto ER, collaborano anche l’Azione Cattolica Diocesana e l’Agesci della zona di Imola.
Nel 2004 il progetto è incentrato sulla figura di San Cassiano, era il 17° centenario del martirio. Nel 2005 il tema era la paternità, con trama fantasty centrata su “Nemo”. Nel 2006 il tema è stato l’obbedienza , e il tema è stato centrato sulla storia di Pinocchio. In ultimo, nel 2007 per la trama fantasy è stata scelta la storia di Eragon.

Per il 2008 è stata inventata la trama, costruendo un breve romanzo di avventura, sviluppato sull’idea di un viaggio nel tempo, alla ricerca del cammino di una comunità, quella della Chiesa imolese. Il romanzo è stato scritto da tre giovani e completato dalle schede storiche redatte da due insegnanti di religione. La motivazione di questo percorso nasce dal fatto che è iniziato il percorso sinodale di tutta la Diocesi. Il titolo del romanzo è “I sentieri del tempo”.
Le attività legate al progetto diocesano, comprendono: La realizzazione del progetto formativo; la formazione degli educatori; il sostegno diretto attraverso le sponsorizzazioni, per varie situazioni di gestione; la Giornata diocesana, strumenti e sussidi di comunicazione e i depliant divulgativi.
Da quest’anno, si cercherà anche di costituire un fondo di solidarietà, a sostegno dei ragazzi e delle famiglie che non posso pagare le quote di iscrizione.

don Fabio Gennai
Ufficio Diocesano di Pastorale
del Tempo Libero, Turismo e Sport
 
CSI Imola - via Emilia 69 - 40026 Imola (Bo) - tel. 0542 30335 - fax 0542 31697 - info@csiimola.it Sito realizzato da: Lorenzo Tondini